Calalzo di Cadore

Stemma Calalzo di Cadore

Posto a 806 m. sul livello del mare è forse l'insediamento cadorino più antico, se, come testimoniano i reperti trovati nella zona archeologico-termale di Lagole, circa 2500 anni fa, vi sorgeva un santuario, dedicato a una divinità sanante.
Il comune comprende, oltre al capoluogo, la frazione di Rizzios.
A partire dalla fine del 1800 Calalzo diviene a poco a poco il maggior centro industriale e commerciale cadorino.
Nel 1878 infatti viene avviato il primo moderno opificio di occhiali sulle rive del Molinà, i primi occhiali vengono realizzati con l'energia prodotta da un mulino ad acqua. Dal 1914 il paese diviene anche il principale nodo ferroviario per il Cadore, ed attualmente è punto ferroviario terminale di arrivo e partenza da tutto il Cadore.
Da diversi anni Calalzo di Cadore è anche punto di partenza e arrivo della bellissima e suggestiva CICLABILE DELLE DOLOMITI che collega il paese alla città di Lienz in Austria, attraversando rispettivamente Cortina d'Ampezzo e successivamente Dobbiaco e San Candido in Alto Adige.
Meritano sicuramente una visita la chiesa parrocchiale di S.Biagio con le quattro portelle di Orazio Vecellio, figlio dell'illustre Tiziano e la chiesa di S. Anna a Rizzios che conserva pregevoli tele e reliquari.
Assolutamente da visitare la zona archoelogico-termale di Làgole, con il parco, i suoi laghetti e le sorgenti di acque sananti millenarie di indubbie proprietà curative ed infine la Val d'Oten, punto di partenza per la suggestiva “cascata delle Pile” e per piacevoli escursioni in quota.

 

 

 

 

 

ALBERGHI

 

 

RIFUGI

 

 

LINKS UTILI